Testi

29 Marzo 2016 webmaster Commenti disabilitati su Diciassette e Cinquantaquattro

Diciassette e Cinquantaquattro

Racconto finalista alla competizione letteraria Campiello Giovani 2013. Questa la motivazione della giuria: “Un uomo mangia sedici palline di cioccolato ricoperte di cocco sulla sua Audi A6, spiando le donne che ha già stuprato. Donne che alla fine hanno smesso di piangere ed hanno ricominciato a vivere, donne da cui è ossessionato.

Una di loro è rimasta incinta e ha tenuto sua figlia, pur non curandosi poi più di tanto di lei. Una bambina sola, problematica, che riacquista un po’ di passione per la vita grazie all’incontro con la sua nuova baby sitter, una fotografa ventiquattrenne capace di riconoscere la magia nelle cose e nelle persone. Ma il nostro uomo non sopporta questa sua nuova felicità. Tutto deve essere marchiato dal dolore che lui porta. Un giallo cupo e ben congegnato, uno stupratore maniacale e preciso, una vita che cerca di lottare contro un sinistro, insinuante senso di morte, e non ce la fa. Sapiente, molto suggestivo.”

Racconto completo: DICIASSETTE E CINQUANTAQUATTRO

 

 

Scroll to top